2023: si parte dal Lago di Garda e dall'Argentina

Lunedì 16 Gennaio

Il nuovo anno si è aperto con il raduno sul Lago di Garda per la Zalf Euromobil Désirée Fior targata 2023. Il team dei patron Gaspare Lucchetta ed Egidio Fior, ospite dell'Hotel La Grotta di Bussolengo e accompagnato dall'ex-Zalf, Nicola Dal Santo, si sta allenando in questa settimana sulle strade del Lago di Garda in vista del debutto su strada programmato per l'ultimo weekend di febbraio.

Sotto la direzione di Mauro Busato, Gianni Faresin, Renato Caramel e Filippo Rocchetti, con l'assistenza tecnica del meccanico Ivano Gemin e del massaggiatore Filippo Conte Bonin, la nuova rosa ha intensificato la propria preparazione con uscite di gruppo e allenamenti mirati. Non mancano i momenti di confronto, valutazione e programmazione come confermato dalle parole dell'ex professionista Gianni Faresin: "Il primo ritiro invernale è sempre un momento fondamentale per preparare la nuova stagione. Anche quest'anno possiamo contare su di un gruppo di atleti molto affiatato e con delle ottime qualità tecniche. Saranno queste le armi fondamentali che avremo a disposizione per affrontare il ricco programma di corse che ci attende con l'obiettivo di far crescere questi giovani talenti in maniera graduale e proficua".

Al ritiro di Bussolengo non ha preso parte Manlio Moro: il 20enne pordenonese, infatti, dopo aver affrontato la preparazione invernale con la nazionale della pista, sarà impegnato alla Vuelta a San Juan in programma sulle strade argentine dal 22 al 29 gennaio prossimi. "La partecipazione alla prima gara a tappe con i professionisti è una gran bella occasione per Manlio che gli consentirà di trovare subito un ottimo colpo di pedale. Per lui il primo obiettivo stagionale saranno i Campionati Europei su pista in programma a Grenchen nel mese di Febbraio: una tappa molto importante per raccogliere i primi punti per la qualificazione alle Olimpiadi 2024" ha osservato il DS, Filippo Rocchetti. "Con Manlio e con lo staff tecnico della nazionale italiana c'è una costante collaborazione e, ne siamo certi, questa attività su pista potrà dare i suoi frutti anche su strada".